"L'Aquila e 'l Pardo". Rinaldo I e il mecenatismo di casa d’Este nel Seicento

Uno studio inedito su uno dei periodi meno indagati della storia estense

Disponibilità: Disponibile

€ 20,00

Descrizione

Dettagli

In questo volume, Sonia Cavicchioli indaga sui primi anni di ducato di Rinaldo d’Este, duca di Modena dal 1694 al 1737, uno dei periodi meno studiati della storia estense. Rinaldo è per lo più ricordato come un duca rigido e bigotto, che avrebbe imposto alla corte di Modena abitudini e costumi vicini a quelli della sua precedente vita ecclesiastica. La prima fase del suo ducato è però caratterizzata da un’intensa attività mecenatesca, promossa nonostante la difficile fase politica e storica vissuta da Modena. Si dedica per esempio alla decorazione del Palazzo Ducale, nel quale fa realizzare per esempio il salone d’onore e la prima camera dell’appartamento di facciata.La ricerca evidenzia la continuità dinastica nell’adozione di temi e pattern decorativi, facendo luce su alcuni momenti fondamentali del Seicento estense, finora lasciati in ombra dagli studi. Anche nello studio dei rituali celebrativi e delle “allegrezze”, i festeggiamenti a cui i signori di Antico Regime affidavano essenziali compiti di promozione, emergono documenti, finora sostanzialmente ignorati quando non ignoti, che documentano il notevole attivismo del duca e nel loro insieme sono la testimonianza della sua fedeltà al casato, evidente anche nell’espressione del gusto. Da queste pagine emerge quindi l’inclinazione a pensare in grande a cui Rinaldo, ultimo figlio di Francesco I d’Este, abitua chi consulti documenti e fonti del suo ducato.

Informazioni bibliografiche

Informazioni bibliografiche

Peso 0.4000
Autore Sonia Cavicchioli
N. Pagine 208
ISBN 9788857010601